Myanmar's Rocky Road to Democracy

Un anno e mezzo dopo la sua entrata in carica, il governo di Aung San Suu Kyi e della sua Lega nazionale per la democrazia ha raggiunto scarsi risultati. Certo, il loro spazio di manovra era limitato dalla costituzione del 2008, scritta dal precedente regime militare. Ma la principale fonte di delusione sono le scarse decisioni su questioni che sono sotto il controllo della Lega. Il governo di Suu Kyi non ha avuto una strategia o politiche chiare per affrontare i molteplici problemi del paese. Da qui il maggiore errore fatto da Suu Kyi, che è stato quello di spendere tanto tempo e capitale politico su un tema – il processo di pace tra le etnie – che è estremamente complesso e fuori dal suo controllo. Ancora più deludente, per i difensori dei diritti umani è stato il fallimento di Suu Kyi e del suo governo nel pronunciarsi a favore della comunità Rohingya, nonchè nel fermarne la persecuzione istituzionalizzata.

Autori: 
Dati bibliografici: 
Roma, IAI, settembre 2017, 15 p.
Allegati: 
Numero: 
17|27
ISBN/ISSN/DOI: 
978-88-9368-056-1
Data pubblicazione: 
08/09/2017

Introduction
1. The Lady and her government
2. Slow progress and persisting lack of clarity on economic reform
3. Relations with the army
4. Pursuing ethnic and religious peace
5. Between China and the United States
Conclusion
References

Area di ricerca

Tag